Voto degli elettori temporaneamente all´estero per motivi di lavoro, studio o cure mediche e dei familiari conviventi

  • Stampa

La legge 6 maggio 2015, n. 52, di riforma del sistema di elezione della Camera dei Deputati, ha introdotto modifiche alla disciplina del voto nella circoscrizione Estero per le elezioni politiche e per i referendum di cui articoli 75 e 138 della Costituzione, prevedendo il voto per corrispondenza degli elettori temporaneamente all’estero per motivi di lavoro, studio o cure mediche e dei loro familiari conviventi.

Pertanto, in occasione del referendum costituzionale del 4 dicembre p.v., indetto con D.P.R. 27 settembre 2016 (GU del 28 settembre), gli elettori italiani che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovano temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi, nonché i familiari con loro conviventi, possono esprimere il voto per corrispondenza.

L’opzione per il voto per corrispondenza deve pervenire al Comune d’iscrizione nelle liste elettorali entro i dieci giorni successivi alla data di pubblicazione del decreto di convocazione dei comizi elettorali (con possibilità di revoca entro lo stesso termine).

In sede di prima attuazione con le consultazioni referendarie del corrente anno, il suddetto termine è da considerarsi meramente ordinatorio e, verranno considerate valide le opzioni pervenute in tempo utile entro il trentaduesimo giorno antecedente la votazione in Italia, ossia il 2 novembre 2016.

Gli elettori residenti all'estero, conservano comunque il diritto di optare per il voto in italia, ai sensi dell'art. 1, comma 3, della legge 459 del 2001, il diritto deve essere esercitato entro il decimo giorno successivo all'indizione del referendum - e cioè entro il prossimo 8 ottobre 2016. 

Allegati:
Scarica questo file (MODULO OPZIONE VOTO ALL'ESTERO.pdf)MODULO OPZIONE VOTO ALL'ESTERO.pdf[MODULO OPZIONE VOTO PER CORRISPONDENZA]261 Kb
Scarica questo file (MODULO OPZIONE VOTO IN ITALIA.pdf)MODULO OPZIONE VOTO IN ITALIA.pdf[MODULO OPZIONE VOTO IN ITALIA]78 Kb